IL BRESCIA E UNA DOMENICA DA VIVERE SU (ALMENO) TRE CAMPI

Se vice con il Lecco e Sudtirol e Reggiana non faranno altrettanto, la qualificazione ai play off sarà già certa senza aspettare l’ultimo match a Bari

Brescia. Il pareggio ottenuto Piacenza con la Feralpisalò assume un alto valore per il Brescia, che vede adesso lo striscione dei play off farsi molto vicino. Domenica le Rondinelle alle 15 ospiteranno al Rigamonti l’ormai retrocesso Lecco e con una vittoria potrebbero già essere certe della post season se il Sudtirol non riuscirà a vincere a Pisa e idem la Reggiana a Genova contro la Sampdoria.

Raggiungere quota 51 per Bisoli e compagni può essere decisivo e le condizioni per farcela ci sono tutte. A quel punto i biancoazzurri potrebbero anche guardare ad altri campi, su tutti il “Barbera” di Palermo dove i rosanero ospitano un Ascoli alla disperata ricerca di punti salvezza e non è un’idea peregrina per il Brescia pensare di accorciare anche dai siciliani, che nonostante il cambio di panchina da Corini a Mignagni non sono riusciti ad ingranare, anzi stanno facendo pure peggio.

A 51 punti, il Brescia non dovrebbe avere paura di Cosenza, Pisa e Cittadella, che pure vincendo il prossimo rimarrebbero a -3 dalla Leonessa: con tutte e tre quelle avversarie gli uomini di Maran sono in vantaggio negli scontri diretti o comunque (largamente) nella differenza reti generale.

E’ arrivato quindi il momento di raccogliere quanto seminato finora. Facendo il suo, e confidando in Pisa e Sampdoria, il Brescia potrebbe anche permettersi di andare poi venerdi 10 maggio a Bari senza l’ansia di dover fare punti, se non per migliorare la propria posizione nella griglia play off.