BRESCIA, DEVI TENER BOTTA NELLE PROSSIME TRE PARTITE POI LE ULTIME CINQUE POTREBBERO ESSERE IN DISCESA

Dopo la sosta, le Rondinelle affronteranno le trasferta di Cosenza e Venezia con in mezzo il match casalingo con il Pisa. Il finale prevede un fattore campo favorevole: tre match casalinghi (tra cui il Lecco ormai spacciato) e il derby con la Feralpisalò a Piacenza

Brescia. A otto giornate dalla fine, è naturale da parte dell’ambiente Brescia dare un occhio alle difficoltà che attendono le Rondinelle. Dopo la sosta ci sarà subito una trasferta tosta, in casa di un Cosenza in caduta libera: solo 2 punti nelle ultime 5 partite per i lupi della Sila, che in casa non vincono dal 20 gennaio (4-2 al Cosenza); i rossoblù calabresi, dopo aver accarezzato il sogno playoff, hanno ora solo due punti di vantaggio sui playout.

Il Brescia giocherà poi in casa con il Pisa, squadra imprevedibile, dotata di buona qualità, ma anche di tanta incostanza di rendimento, comunque più vicina ai playoff (-2) che ai playout (+5). A concludere un tris di partite piuttosto complicate, gli uomini di Maran il 14 aprile faranno visita al Venezia, attuale seconda forza del campionato. Se i biancoazzurri dovessero riuscire a tenere botta in questi 270’ più recuperi, le ultime cinque di campionato potrebbero anche essere in discesa. Il Brescia giocherà infatti tre volte in casa (Ternana, Spezia e Lecco), in trasferta il derby con la Feralpisalò sul campo di Piacenza dove è prevedibile un’invasione di tifosi biancoblù e chiuderanno a Bari il 10 maggio. Il fattore campo potrebbe quindi fare la differenza oltre al fatto che nell’ultimo quintetto di partite c’è il match casalingo alla penultima giornata contro un Lecco già adesso spacciato, figuriamoci quel giorno.

Certo Ternana, Spezia, Feralpisalò e probabilmente anche il Bari, saranno ancora bisognose di punti salvezza, ma giocare al Rigamonti (o a Piacenza con il pubblico quasi totalmente dalla propria parte) sarà un importante upgrade per il Brescia. A patto di superare bene le forche caudine delle prime tre partite dopo la sosta: a Cosenza e Venezia, e in casa con il Pisa, capiremo molto probabilmente a cosa potranno davvero puntare Bisoli e compagni in quest’ultimo segmento di stagione. Dove ripartiranno dall’ottavo posto. Ovvero la zona playoff.