IL BRESCIA ALLA CONQUISTA DEL CAMPO MALEDETTO: IN CASA DEL GENOA NON VINCE DA 43 ANNI !

Nel Dopoguerra solo due vittorie nella Marassi rossoblù: l’ultima volta il 14 aprile 1979 con gol di Podavini. E nei tre precedenti più recenti, biancoazzurri sconfitti subendo sempre 3 gol

Brescia. Tra i campi tabù nella storia del Brescia c’è sicuramente il Marassi di Genova sponda rossoblù dove le rondinelle sono attese sabato alle 16,15. Al fischio d’inizio saranno passati 15904 giorni dall’ultima vittoria. Quella gioia è datata 14 aprile 1979, il Brescia s’impose 1-0 con gol di Gabriele Podavini (che indossò poi la maglia del Genoa nella stagione 1987-88) dopo 14 minuti: campionato di serie B, al termine del quale gli uomini di Gigi Simoni chiusero ottavi mettendo però le basi per essere promossi la stagione successiva.

La formazione di quel giorno fu: Malgioglio, Podavini, Galparoli, Guida, Matteoni, Moro, De Biasi, Romanzini (71’ Nanni), Mutti, Iachini, Grop. Il Genoa – che chiuse il campionato al dodicesimo posto con 35 punti, 4 in meno delle rondinelle – rispose con: Girardi, Gorin, Ogliari, Sandreani, Corradini, Masi, Damiani, Busatta, Luppi, Rizzo, Conti. L’allenatore dei rossoblù era Hector Puricelli, che venne esonerato dopo quella battuta d’arresto e il suo posto venne preso da Gianni Bui.

Il Brescia 1978-79: Podavini è il secondo in basso a sinistra
Il Genoa del 1978-79

Per trovare l’altra vittoria del Brescia in casa del Genoa bisogna risalire addirittura al 17 febbraio 1952: sempre campionato di serie B, 2-1 il punteggio finale con i biancoazzurri in vantaggio al 21’ con Ferruccio Valcareggi (che sarebbe diventato ct dell’Italia 14 anni dopo, dal 1966 al 1974), l’unico gol di quella sua unica stagione con le rondinelle, pareggio rossoblù al 77’ con Azimonti e rete decisiva di Bonaiti all’89’. “Cina” Bonizzoni schierò il Brescia con Zibetti, Tomà, Zamboni, Borra, Azzini, Milani, Vecchio, Valcareggi, Bonaiti, Posio, Malighetti. Il Genoa era invece in campo con Gualazzi, Azzimonti, Beccattini, Gremese, Cattani, Melandri, Frizzi, Cello I, Melberg, Bernardis, Nilsson. Curioso notare che anche in quel caso la sconfitta portò all’esonero dell’allenatore: Imre Senkey fu sostituito dalla coppia Giacinto Ellena-Valentino Sala. Il match fu arbitrato da Guido Agnolin, padre del più noto Luigi. Il Brescia chiuse il campionato cadetto al secondo posto con 52 punti, uno in meno della Roma: il regolamento prevedeva che la seconda di B spareggiasse con la quart’ultima di A, che in quel caso era la Triestina. Il match si giocò a Valdagno e vide il successo degli alabardati per 1-0 in uno dei non pochi giorni stregati della storia del Brescia calcio.

Tornando a Genoa-Brescia, nelle ultime tre partite giocate in casa del Grifone la Leonessa ha sempre perso subendo 3 gol: 3-1 in serie A sabato 26 ottobre 2019, 3-0 in serie A domenica 17 aprile 2011, 3-0 in serie B sabato martedi 13 marzo 2007.

L’ultimo Genoa-Brescia: un gol di Tonali illuse le rondinelle prima delle reti di Agudelo, Kouame e Pandev

condividi news

ultime news