GIANLUCA NANI: “BRESCIA UN PO’ LEGGERINO, MA PUO’ STARE A RIDOSSO DEI PLAY OFF”

L’ex diesse delle rondinelle ieri era allo stadio: “Scoccia prende il pari in quel modo, ma il Venezia è una squadra fortissima e non mi spiego perchè sia così in basso. E’ comunque un buon punto”

Brescia. Di passaggio nella nostra città, dove ha ancora una casa, diretto a Roma dove assisterà alla prima visione del film dedicato a Carlo Mazzone, l’ex direttore sportivo delle rondinelle Gianluca Nani ha assistito ieri a Brescia-Venezia. 

Che impressione ha tratto dalla partita?

“Ero venuto per vedere Nuamah, che mi aveva impressionato nella gara di Spezia. Ho visto un buon Brescia, con delle idee di gioco, che ha ottenuto un buon punto contro una squadra forte. Certo prendere il pareggio nel finale su contropiede fa rosicare, ma il Venezia ha giocatori fortissimi. Crnigoj ad esempio si è fatto tutto il campo “mangiandosole”. Ha una forza impressionante, come altri elementi: Pohjanpalo ad esempio è stato un rebus per tutta la partita: ha menato, colpito la traversa, fatto salire la squadra”. 

Il Brescia come l’è parso?

“Un po’ leggerino per reggere l’urto contro una squadra così forte. C’è Moreo, ma è comunque magro, ha un fisico alla Caracciolo. Il Venezia ha dei granatieri e giocatori molto conosciuta da chi segue il calcio internazionale: Čeryšev era nel Real Madrid e poi nel Valencia, Cuisance era considerato uno dei migliori talenti del calcio francese, Busio è un buon giocatore e a tratti mi ricorda Matuzalem. Mi meraviglio che il Venezia sia così indietro in classifica”.

Il Brescia dove può arrivare?

“E’ una squadra organizzata, può pensare di restare a ridosso dei play off per poi acciuffarli e una volta che si gioca la post-season sappiamo che può succedere di tutto”. 

Ma Brescia come piazza non meriterebbe di più?

“Certo, ma credo stiano influendo anche le vicenda extra calcistiche di Cellino che è presidente illuminato, ma deve fare i conti con quello che gli sta succedendo”. 

Torneranno mai i tempi in cui c’era lei?

“In quegli anni ci siamo divertiti… Abbiamo portato a Brescia dei bei giocatori. Da tifoso delle rondinelle, quale sono rimasto, mi auguro che si possano rinverdire quei ricordi”. 

condividi news

ultime news