IL BRESCIA TORNA NEL SUO FORTINO PER SENTIRSI ANCORA GRANDE

Questo sabato alle 14 al Rigamonti, dove le rondinelle non perdono da quasi 11 mesi e segnano da 17 partite consecutive, il match con il deludente Venezia dell’ex Javorcic. Obiettivo biancoazzurro: mettere un freno alla… frenata

Brescia. Con la foga di un quindicenne e la testa di un docente di Harvard, il Brescia torna nel fortino del Rigamonti, dove (play off esclusi) non perde dal 4 dicembre e segna da 17 partite consecutive (28 marcature in totale), per mettere un freno all’emorragia dell’ultimo periodo che tra campionato e Coppa Italia ha portato tre sconfitte, un pareggio e ben 12 gol subiti. 

Match program. Alle 14 di questo sabato arriva il Venezia, che non sta rispettando i pronostici della vigilia: con una media persino sotto il punto a partita (8 in 9 gare), una delle tre retrocesse dalla serie A è in piena zona retrocessione e, al di là delle dichiarazioni di rito, il pur ottimo Javorcic si gioca la panchina; proprio in quel Rigamonti che ha visto il croato crescere, dove debuttò a soli 17 anni quando l’etichetta era quella di “nuovo Boban”, ma gli infortuni l’hanno tenuto lontano dal grande calcio. E’ un Venezia dotato di una rosa con tanti stranieri di buon livello, che non riesce però ad ingranare. Che in trasferta va comunque bene (7 degli 8 punti totali) e che negli ultimi 15’ perde la trebisonda avendo subito in quel lasso di tempo la metà dei gol: 7 su 15 (seconda peggior difesa del torneo). Javorcic è anche quello che fa meno cambi (39 su 45 a disposizione) e che ha già subito più gol di tutti da giocatori subentrati (5). E’ un Venezia al quale non bisogna dare campo perchè tra le situazioni che riesce a interpretare meglio c’è la transizione. 

Il Brescia a Cagliari e La Spezia non ha giocato male, ma i risultati dicono altro e alla fine sono loro che comandano. La classifica resta più che buona (+8 sulla zona retrocessione), ma si sa che in serie B non è permesso rimanere troppo tempo senza muoverla ergo oggi bisogna rosicchiare qualcosa anche perchè sabato prossimo ci sarà la proibitiva trasferta a Genova. 

Probabili formazioni. Nonostante il Venezia abbia già reso nota la lista dei convocati, fino a poche ore prima del match Clotet non svelerà i 19-20 che porterà a referto. Quasi certamente saranno assenti Karacic (non ancora recuperato) e Benali (bloccatosi prima della Coppa Italia). Ci rifiutiamo di credere che non venga trovato un posto nell’undici titolare a Olzer e sarebbe importante se Cistana riuscisse a giocare la seconda partita in quattro giorni: la difesa scricchiolante ha estremo bisogno di lui. 

Nel Venezia c’è qualche problema in difesa con Ceccaroni squalificato e Ceppitelli non ancora al meglio. Rientra capitan Modolo, ma quasi certamente partirà dalla panchina. 

BRESCIA (4-3-3): Lezzerini; Jallow, Cistana, Adorni, Huard (Mangraviti); Bisoli, Viviani, Bertagnoli; Moreo (Bianchi), Ayè (Moreo), Olzer. 

VENEZIA (3-5-2): Joronen; Svoboda, Ceppitelli, Wisniewski; Zampano, Crnigoj, Busio, Fiordilino, Haps; Pohjanpalo, Cherishev. 

Vivetela con noi. Saremo in diretta video dalle 12.30 dall’esterno del Rigamonti sulle pagine Facebook di Bresciaingol e di Cristiano Tognoli. Su Bresciaingol.com la cronaca testuale del match e a seguire voti, interviste, pagelle con giudizi, commento e foto del match. 

condividi news

ultime news