SULL’ISOLA PER RITROVARE SE STESSI

Questo sabato alle 14 il Brescia, che ha ottenuto un solo punto nelle ultime due gare, è di scena a Cagliari contro la squadra delusione di questo inizio di stagione

Brescia. Inutile guardare ai numeri del Cagliari, che pure parlano di una mini crisi: un solo punto nelle ultime tre partite, segnando la miseria di un gol, la vittoria casalinga che manca dal 2 settembre. Certo i rossoblù sono la delusione di questo inizio di stagione (11 punti sui 24 disponibili, -7 dalle prime due), ma è bene che il Brescia pensi a sè e non faccia troppo conto sui problemi che la corazzata di Liverani sta palesando. E’ la serie B, bellezza. Ed è dura per chiunque. Dopo aver raggiunto il primo posto contro ogni pronostico, e incasellato quattro vittorie consecutive, la Leonessa è incappata nella debacle di Bari e nel pareggio senza gioco con il Cittadella al Rigamonti. Il match di questo sabato alle 14 alla Domus Arena non è certo il migliore per riscattarsi, ma forse è anche quello giusto per tornare a giocare come questa squadra ha saputo fare fino a tre partite fa. Perdere in Sardegna non sarebbe un dramma, è una di quelle gare che nel corso di una stagione si possono anche “battezzare”, ma è fondamentale tornare ad essere garibaldini e spensierati come visto a Como e a Modena dove Bisoli e compagni firmarono due blitz d’autore. 

Il contrattempo. Per la trasferta sull’isola non è partito Pep Clotet. Attacco influenzale e anche se il tampone al Covid è stato negativo, con i contagi in rialzo si è trattato di una scelta saggia dato che ancora nessuno sa bene quanto il virus resti in incubazione. Certo non è mai il massimo per una squadra dover rinunciare al proprio joystick, ma Gastaldello non è certo l’ultimo arrivato e in panchina è già andato come primo allenatore ad interim negli ultimi due anni. Non ci stupiremmo infatti di vedere anche Cellino, che ha raggiunto Cagliari con la squadra, in panchina per dare forza e coraggio alla squadra prima del proprio trainer (vietate le ironie sull’eventualità… ndr). 

Precedenti. Il Brescia in B non vince in casa del Cagliari dalla stagione 1977-78, ma è ancora ben nitido nella memoria il “sacco” in serie A alla prima giornata del campionato 2019-20 con il rigore di Donnarumma. Brucia, invece, ancora tantissimo il 6-0 subito nella primavera del 2016. Attesi oltre 11.000 spettatori, con 400 tifosi in arrivo da Brescia che partiranno da cinque aeroporti diversi.

Probabili formazioni. Liverani ha inserito anche Rog e Barreca (i grossi dubbi della vigilia) nella mega lista dei convocati, ma di certo non partiranno dall’inizio. Per risolvere il problema del gol (solo 7 in 8 partite) molto probabile che giochino insieme Lapadula e Pavoletti, una coppia super. Viola gioca mezzala, ma con compiti di regia.Nel Brescia out Ndoj per scelta tecnica, c’è Cistana che però dovrebbe partire dalla panchina. C’è più di un ballottaggio. Modulo 4-3-1-2 o 4-3-3 con Moreo, il cui rientro nell’undici titolare appare certo, come esterno? 

CAGLIARI (4-3-1-2): Radunovic; Di Pardo, Altare, Goldaniga, Obert; Nandez, Makoumbou, Viola; Mancosu; Lapadula, Pavoletti. 

BRESCIA (4-3-1-2): Lezzerini; Jallow, Papetti (Mangraviti), Adorni, Mangraviti (Huard); Bisoli (Bertagnoli), Van de Looi (Viviani), Bertagnoli (Ndoj); Galazzi (Benali); Moreo, Aye’. 

Vivetela con noi. Saremo in diretta video dalle 12.30 dall’esterno dello stadio Unipol Domus sulle pagine Facebook di Bresciaingol e di Cristiano Tognoli. Durante il match cronaca testuale su Bresciaingol.com, a seguire voti, interviste, pagelle con giudizi, commento e foto del match. 

condividi news

ultime news