CASERTA: “NON SIAMO PARTITI BENE, MA NELLA TESTA DEI RAGAZZI ORA E’ SCATTATO QUALCOSA… NOVITA’ IN FORMAZIONE”

Il tecnico del Benevento alla vigilia della gara di Brescia: “Loro sono strutturati e giocano bene sulle seconde palle. Siamo pronti per una gara di grande agonismo. Segniamo poco, ma creiamo tanto e questo è importante”

Benevento. L’allenatore del Benevento Fabio Caserta si è presentato in sala stampa alla vigilia del match con il Brescia. Nelle fila giallorosse c’è grande voglia di rivincita. 

Come arrivate a questa gara e come sta Leverbe?

“Leverbe sta bene, deve trovare il ritmo partita. Arriviamo bene alla gara col Brescia, sapendo che non meritavamo di perdere con il Cagliari. Ora mettiamo da parte quel match e pensiamo solo a questa gara”. 

Parliamo un po’ dei singoli?

“Tello è out come Viviani ed El Kaouakibi che ha un problemino al ginocchio e poi ha avuto anche la febbre, Letizia sta meglio rispetto a qualche giorno fa e si è allenato con la squadra, Schiattarella sta recuperando e migliora di giorno in giorno, è un giocatore che come qualità ed esperienza può darci tantissimo, sto valutando se farlo giocare dall’inizio o a gara in corsa. Kubica è un play come Schiattarella, con caratteristiche diverse, ma viene da un altro campionato, è giovane e ha bisogno di tempo per adattarsi alla squadra e alla serie B. Simy e Ciano sono al 60% della condizione, il loro utilizzo e la loro condizione dipende anche dai ritmi che prende la partita, dobbiamo essere bravi a metterli in campo nel modo giusto. Farias si allena da due giorni con la squadra, viene da un piccolo infortunio muscolare, vuole farsi trovare pronto per sfruttare le sue qualità tecniche che sono superiori alla media soprattutto nell’uno contro uno”. 

E’ un Benevento che segna poco, come mai?

“Se non arrivassimo a creare palle gol ci sarebbe un problema di manovra e non è il nostro caso. Il calcio va a periodi: ci sono momenti in cui con un tiro vinci, come successo al Cagliari contro di noi. L’anno scorso abbiamo avuto un momento in cui facevamo fatica a segnare poi però siamo arrivati ai play off con l’attacco più prolifico. Non bisogna deprimersi, abbiamo un parco attaccanti importante, possono segnare anche difensori e centrocampisti. Con il Cagliari abbiamo creato 43 cross contro gli 8 dei nostri avversari, il nostro sistema di gioco ci permette di andare molto sulle fasce e lo stiamo facendo molto bene. Io sono soddisfatto per lo sviluppo della manovra considerando che siamo partiti con giocatori e dinamiche diverse. Anche a fine allenamento vedo i giocatori con tanta voglia di migliorare”. 

In un campionato così equilibrato quanto la preoccupa aver già perso due partite in casa?

“Non mi preoccupa. Non siamo partiti bene, ma dobbiamo stare sempre concentrati anche perchè siamo cambiati dopo la sconfitta interna con il Cosenza. Stiamo crescendo e non vedo una squadra che sta ammazzando il campionato, tutte hanno difficoltà”. 

Il Brescia sembra una squadra molto agonistica, come va affrontato?

“Abbiamo visto come gioca, sappiamo che è strutturata e in casa gioca molto bene anche sulle seconde palle. Siamo pronti per fare una partita importante. Il nostro agonismo deve essere alto per portare il collettivo a sfruttare le condizioni dei singoli. Dovremo sfruttare anche noi seconde palle e calci piazzati. Con uno di questi fatti bene puoi anche vincere pur non facendo una grande partita. Con il Brescia dobbiamo fare attenzione sulle palle inattive contro. Siamo pronti. Vedo ragazzi volenterosi, qualcosa è cambiato dentro la loro testa. Non ripeteremo più una gara come quella con il Cosenza”. 

E’ possibile vedere qualche cambiamento rispetto alla gara di Cagliari visto anche che è stata una settimana corta?

“C’è più di un ballottaggio e ci saranno sicuramente delle novità. Ho una rosa competitiva in tutti i reparti e lo dimostrerò non facendo giocare sempre gli stessi. Non sono gli 11 titolari però che fanno la differenza, ma anche chi va in panchina e subentra come successo a Venezia”. 

condividi news

ultime news