I TORMENTI DI CELLINO: QUALCHE GIORNO IN BARCA ASPETTANDO LA SENTENZA E SOGNANDO UN RILANCIO DI MERCATO

Cagliari. Massimo Cellino si è concesso qualche giorno di vacanza in barca nella sua Sardegna. Ma non sono vacanze come gli altri anni. Il presidente biancoazzurro vive ore d’angoscia in attesa di conoscere l’esito della sentenza del Tribunale del Riesame di Brescia dove la pm Erica Battaglia ha chiesto il maxisequestro di 59 milioni di beni (mobili e immobili) facenti capo al presidente delle rondinelle accusato quindi di reati fiscali.

Comprensibilimente morso dall’ansia, Cellino sa che sono questi i giorni decisivi. Lui continua ad esternarsi innocente ed essendone sicuro sta portando avanti trattative importanti: per il ruolo di trequartista piacciono Aramu, Ciurria e Tramoni mentre il terzino (capace di giocare su entrambe le fasce) che arriva dalla Svezia è ormai cosa fatta anche se Cellino vuole tenere tutto sotto traccia. E nell’attesa della sentenza, l’imprenditore sardo ha deciso di ritrovare per qualche ora gli aromi che solo l’isola può dare.

commenti

condividi news

ultime news