CORINI: ”HO IN MENTE UN NUOVO MODO DI GIOCARE, DOMANI VEDRETE…”

”Campionato ancora aperto. Tramoni lo vedo sia seconda punta che trequartista, se Palacio riuscisse a darci anche solo una mezzora delle sue sarebbe tanta roba. Su Adorni non mi faccio condizionare dal passato. A Cittadella sarà una gara complicata, come sempre quando si va da quelle parti”

Torbole Casaglia. Eugenio Corini prosegue nella sua convinzione fatta di stimoli e motivazioni non solo per puntare al terzo posto, ma anche alla promozione diretta. 

Siamo alle solite: non resta che vincere e sperare in qualche passo falso delle avversarie?

“Il campionato è ancora aperto, certo se avessimo vinto con la Spal la strada sarebbe stata meno difficoltosa. Dobbiamo continuare a fare buone prestazioni e cercare di vincere il più possibile per la promozione diretta oppure per il terzo posto”. 

La squadra ha assorbito la beffa di lunedì sera?

“La sera dopo la gara e nell’allenamento successivo c’era delusione, bisogna farla sedimentare e darle forma per trasformarla in qualcosa di positivo. E’ un percorso di crescita che vogliamo continuare a fare, siamo pronti”. 

In settimana l’Ascoli ha accusato il Cittadella di aver fatto la partita della vita, i veneti hanno risposto indignati e a Bresciaingol.com il diesse granata Marchetti ha detto che anche contro il Brescia vogliono onorare maglia e campionato. Tu che gara ti aspetti?

“Complicata. Il Cittadella è una squadra forte anche se non ha raggiunto l’obiettivo dei play off. Con Antonucci e Baldini ha destrezza tecnica, sarà la solita gara difficile come tutte le volte in cui si va a Cittadella”.

Trovi dei punti di contatto con un anno fa a Lecce quando veniste beffati sul filo di lana?

“Sono due situazioni completamente diverse. Qui siamo di rincorsa, l’anno scorso eravamo in promozione diretta fino a tre giornate dalla fine. Ci fu un contraccolpo nel dover fare i play off. Il Brescia è invece pronto anche se dovesse allungarsi il campionato”.  

Quanto ti manca un tiratore scelto: un Donnarumma, un Torregrossa? Avessi cominciato dall’inizio o a mercato ancora aperto, l’avresti preteso?

“Ho un parco attaccanti valido. Continuo a pensare che le risorse ci siano. Inutile pensare a chi poteva esserci o arrivare, un allenatore deve sapere sfruttare gli uomini che ha. Queste partite mi hanno dato chiavi di lettura su cosa fare: portiamo in area tanti palloni, conoscendoci meglio potremo fare sempre più gol”. 

Tramoni lo vedi come seconda punta?

“E’ entrato molto bene a Monza in quel ruolo poi ha fatto il trequartista. Lunedì l’ho inserito dietro le punte. Mi è sempre piaciuto, lo seguimmo con Cellino già quando preparavamo il campionato di serie A, anche se allora era molto giovane. Può giocare sia trequartista che seconda punta. Vede la porta e questa è una delle valutazioni che sto facendo in vista di domani. Ora dobbiamo fare l’ultimo passaggio di squadra: abbiamo solidità nella metà campo avversaria, dobbiamo essere più efficaci”.

Palacio e Bianchi sono recuperati?

“Bianchi ha fatto solo un allenamento differenziato e poi ha fatto tutto con la squadra. Rodrigo è stato tutta settimana con noi. In funzione anche di scelte strategiche durante la partita questi due giocatori possono risultare utili. Anche se Palacio è fuori da un mese, è uno che può entrare e destabilizzare gli avversari. Rodrigo è una seconda punta, ma se volessi forzare la partita può fare anche il trequartista così come Moreo. Difficile stabilire la autonomia che ha perchè non ho un parametro se non una partitatella contro la Primavera, per ora l’ho visto libero di testa da possibili contrasti e per uno che ha avuto il suo infortunio al gomito è importante. Già una mezzora fatta alla Palacio sarebbe tanta roba per noi”. 

Adorni e Proia sono gli ex di turno, come stanno ?

“Proia non è recuperabile per una sofferenza muscolare. In quanto ad Adorni non mi faccio condizionare dal fatto che è un ex o da eventuali polemiche sul passato”. 

In definitiva che formazione hai in mente?

“Un nuovo modo di giocare, domani vedrete…”

I convocati non sono ancora ufficiali, ma saranno 23: gli stessi di lunedì con la Spal più Bianchi e Palacio. Proia, Olzer e Andreoli ancora out.

commenti

condividi news

ultime news