BIANCHI: ”DA PICCOLO FACEVO IL RACCATTAPALLE A PALACIO, GIOCARCI INSIEME E’ FANTASTICO”

“Il Brescia c’è, in casa come in trasferta. Possiamo battere chiunque, anche se ci saranno ancora delle difficoltà”

Brescia. E’ Flavio Bianchi l’uomo copertina. Da un minuto (scarso) in campo ha trovato il gol del pareggio poi ha firmato l’assist per il gol vittoria di Palacio.

Si vedeva già durante il riscaldamento che avevi una voglia matta di entrare…

“Per un giovane voler entrare credo sia normale. Sono contento per me, i compagni, il mister, la piazza”.

Cosa vuol dire per te giocare insieme a Palacio?

“Palacio non ha bisogno di presentazioni, mi dà spesso consigli sia tecnici che extra campo. Quando ero piccolino me lo ricordo nell’Inter, guardavo le sue partite, poi al Genoa quando io giocavo nelle giovanili e lui era all’apice io andavo allo stadio a tifarlo e gli ho fatto anche da raccattapalle. E’ davvero un onore giocarci insieme”.

Cosa pensi di aver dimostrato con la prestazione di oggi?

“Non voglio dimostrare nulla, spero solo che ricapitino altre occasioni come questa per mettermi in mostra. L’ anno scorso a Lucca avevo fatto molto bene, ma era serie C: il salto in A con il ritorno al Genoa non è stato semplice, ma non lo è nemmeno qui in serie B”. 

Di nuovo primi in classifica, almeno per una notte…

“Io sono arrivato da poco, ho trovato un gruppo fantastico. Si respira un clima molto bello. Il Brescia c’è, in casa come in trasferta. Tutte le partite sono difficili da giocare, ma sappiamo che possiamo battere chiunque anche se ci saranno sicuramente delle difficoltà”. 

Con che formula sei arrivato a Brescia? Il tuo obiettivo è rimanere qui o tornare più forte al Genoa?

“Credo di essere in prestito con obbligo di riscatto. Sono un giocatore del Brescia e penso solo a fare bene qui”.

commenti

condividi news

ultime news