BRESCIA-ASCOLI: QUEI PRECEDENTI ANTITETICI NEL MESE DI MAGGIO, I DUE EX E I BOOKMAKERS CHE PUNTANO TUTTO SULLE RONDINELLE

CALMA E GESSO

Ennesimo turno infrasettimanale per le Rondinelle che domani sera affronteranno nel secondo turno consecutivo casalingo l’Ascoli dello squalificato mister Sottil sostituito in panchina dal secondo Simone Baroncelli. Squadra insidiosa quella marchigiana per ruolino di marcia in trasferta con 26 punti e ben 8 successi, seconda per rendimento proprio solo al Brescia di Pippo Inzaghi. Compagine tosta e rognosa, reduce da due vittorie consecutive con Como e Benevento con doppio clean sheet e settimo posto in graduatoria in piena zona playoff, a -5 dalle rondinelle. 

Al cospetto dei bianconeri un Brescia reduce dal pareggio con il Frosinone che sa di punto guadagnato e che ha portato a otto la striscia di risultati positivi frutto di 5 pareggi e 3 vittorie. Adesso alla buona prestazione di domenica vanno aggiunti i tre punti nella partita di domani, tre punti che mancano da troppo tempo tra le mura amiche (6 novembre) e che sarebbero la ciliegina sulla torta alla continuità dimostrata nel medio periodo dai ragazzi di Inzaghi. La società morde il freno per il ritorno nella massima serie e di questo il mister è consapevole… Lasciamolo lavorare tutti al meglio. Serenità e continuità sono le migliori medicine in questi casi, i conti, poi, si fanno a fine campionato….

EX DI TURNO

Nicola Leali, classe 1993 portiere e capitano della squadra marchigiana mantovano di Castiglione delle Stiviere vanta un paio di stagioni a inizio carriera tra le fila delle Rondinelle. Nel biennio 2010/2012 difese in più di una occasione la porta bresciana alternandosi con Arcari. Giovanissimo fu ceduto alla Juventus dove, nonostante da più parti, Corrioni in primis, venne definito l’erede di Buffon, non disputò nemmeno un incontro ufficiale. Passato in prestito l’anno successivo alla Virtus Lanciano, dopo un lungo girovagare in Italia e all’estero, dal 2019 difende i pali della squadra marchigiana. 

Altro ex, seppure in tono minore, Nicola Falasco: terzino, cresciuto nelle giovanili del Brescia non ha però mai giocato in prima squadra.

MAGGIO AGRODOLCE

Il 10 maggio 1987 è una delle pagine più amare nella storia calcistica biancoazzurra.

Era il Brescia di Bruno Giorgi ed era l’ultima di campionato in casa. Una vittoria avrebbe virtualmente sancito la salvezza proprio ai danni dell’Ascoli. Davanti a uno stadio gremito in ogni ordine di posto, e senza tifosi venuti dalle Marche in modo tale che anche la Curva Sud risultò esaurita con vessilli biancoazzurri, arrivò invece l’inattesa doccia gelata. Un gol di Scarafoni al 87’ condannò virtualmente la squadra di casa alla ennesima retrocessione in cadetteria dopo il vantaggio iniziale siglato da Tullio Gritti al 6’ ed il pareggio con una sfortunata autorete di capitan Bonometti al 63’. La matematica certificazione della retrocessione avvenne la settimana successiva con la sconfitta in casa della Juventus al vecchio Comunale “grazie” anche alla rete nel finale del  bresciano Ivan Bonetti per 3 a 2. 

Brescia-Ascoli del 10 maggio 1987

A far da contraltare invece il match del 18 maggio 2019 quando il Brescia vinse 1-0 con gol di Dessena (foto in evidenza) e fu promosso in serie A con due giornate d’ anticipo.

I PRECEDENTI 

Tradizione positiva per l’Ascoli a Brescia. Le due squadre si sono affrontate 20 volte al Rigamonti compresi due incontri in seria A e due in Coppa Italia. Quello di mercoledì e l’incontro numero 16 in serie B, complessivamente il bilancio vede avanti la squadra ospite con 7 vittorie, 7 pareggi e 6 sconfitte. 

Curiosamente il primo incontro datato 1973 vedeva seduto sulla panchina ospite Carletto Mazzone. Uno pari il risultato finale con reti di Guerini e autogol di Bertarelli.

L’ultimo incontro in assoluto tra le due squadre è quello della partita di andata quando le Rondinelle sotto per due a zero si imposero in rimonta per tre a due nelle Marche grazie ai gol di Cistana, Chancellor e Pajač. 

L’ ultima al Rigamonti invece coincide con la prima di campionato di serie B dopo l’ultima retrocessione dalla serie A. Era il 26 settembre 2020 e l’incontro termino in parità con Donnarumma a rispondere al 32’ all’iniziale gol di Cavion al 1’ di gioco. 

BOOKMAKERS 

Nettamente favorito il Brescia dagli allibratori. La vittoria dei padroni di casa viene quotata 1,91 il pari 3,2 e la vittoria della squadra ospite 3,8.

Luca Maghini

commenti

condividi news

ultime news