INZAGHI: ”TUTTI MOLTO CONTENTI DEL MERCATO, ORA CREIAMO QUALCOSA DI MAGICO”

”Si sono rinforzate anche le altre, ma il nostro presidente ha fatto grandi sforzi. Bisogna far quadrato, serve anche l’aiuto della nostra gente per andare in serie A”

Torbole Casaglia. Soddisfatto, allegro, positivo. E’ un ”bel” Pippo Inzaghi quello che parla dopo il mercato di gennaio e alla vigilia della gara di Cosenza.

Mister, soddisfatto della sessione invernale?

“Siamo tutti molto contenti, la società ha fatto un grande sforzo. Tante squadre si sono rafforzate, noi partiamo da una buona base: siamo stati tra il primo e il terzo posto per tutto il girone d’andata e questi risultati non arrivano per caso. In questo mercato sono arrivati giocatori forti e di esperienza. Ora la parola passa al campo. Bisogna fare quadrato tutti insieme per creare un qualcosa di magico. Ci sono almeno 7-8 squadre per i due posti che portano subito in A. Noi vogliamo divertirci e creare problemi a tutti”. 

Sono arrivati giocatori già pronti?

“Abbiamo cercato giocatori funzionali al nostro modo di giocare e pensare. Tutta gente che ha giocato fino a poco fa. Non sono state scelte casuali, sono giocatori che seguivamo, sono stati fati sforzi notevoli della società per prenderli. Ora ci aspettano tante partite, ci sarà bisogno di tutti. Già domani fare la formazione è difficile perchè ho ampia gamma di scelta, ma con i cinque cambi a disposizione avremo bisogno di tutti”. 

A Cosenza con che modulo?

“Giocheremo con tre attaccanti, come sempre. Ci schieriamo in base alle caratteristiche, ma noi andiamo sempre in campo con tre giocatori offensivi. Può essere un 2+1 o un 1+2, ma non cambia il concetto: 4 difensori, 3 centrocampisti e 3 attaccanti”. 

Quanto è diventata più lunga, forte, competitiva la rosa?

“Da qui non vuole andare via nessuno e li capisco: c’è una società organizzata, un bel centro sportivo. Adesso la miglior risposta arriverà dal il campo. Siamo il numero giusto, con valide alternative. A febbraio giocheremo sette partite in 21 giorni, ci sarà spazio per tutti. Vedo una squadra che lavora bene. Domani ci giochiamo record importanti per noi, per la storia della B (la nona vittoria in trasferta in undici partite, ndr). Mi auguro che la gente si innamori ancora di più della sua squadra. C’è bisogno di creare un entusiasmo incredibile”. 

Quale le insidie di domani?

“Basta vedere Cittadella-Cosenza per capirlo. Non ci sono partite facili, andiamo su un campo postino. Per noi però inizia un nuovo campionato e c’è tanta voglia di far bene. Possiamo solo migliorare. Forse anche per colpa mia ci sono state situazioni un po’ tristi, ora bisogna remare tutti dalla stessa parte. Cosa intendo? Che il girone d’andata in casa è stato complicato, potevamo far meglio, ma ora bisogna guardare avanti. Dobbiamo essere tutti molto positivi: ci sarà bisogno di tutti, anche di voi giornalisti. Bisogna creare qualcosa di unico”. 

E’ vero che lei era in sede l’ultimo giorno per vivere l’ultimo giorno di mercato?

“Ho voluto prender un tè con il direttore, gli ho portato gli Oro Saiwa che gli piacciono… Scherzi a parte, non c’era bisogno di convincere nessuno. Volevo essere partecipe di questo grande sforzo che la società stava facendo”. 

Lo sa che le manca una vittoria per arrivare a 100?

“Non lo sapevo, ma mi interessa poco. Sto pensando solo ai record della squadra. Tutte queste panchine mi hanno dato modo di crescere. Domani ci sarà da soffrire, ma siamo pronti”.

commenti

condividi news

ultime news