PIÙ SU

Brescia-Pisa, questo sabato alle 16.15 al Rigamonti, è prima contro seconda. Torna l’atmosfera del grande evento

Brescia. Di meglio in questo momento nel campionato di serie B non c’è. Ed è tanta roba visto che stiamo parlando di un torneo tra i più competitivi di sempre. Prima contro seconda. E così ancora sarà a prescindere visto il pareggio interno del Lecce con la Ternana. Cinquantacinque punti in due dopo tredici giornate: fanno 4,2 a partita. Lo dice anche la media: il match vale più dei 3 punti in palio. Sono le squadre che hanno vinto di più, hanno il primo (Inzaghi) e il terzo miglior attacco, la seconda miglior difesa (D’Angelo). Brescia e Pisa sono chiamate a farci divertire, come si è sbilanciato – assicurando che così sarà – il tecnico dei toscani Luca D’Angelo.

Il sorpasso nelle ultime cinque. Inzaghi sta sul pragmatico, ammette che nelle ultime due partite i suoi non hanno giocato tanto bene, ma si tiene stretti i risultati pieni con le cenerentole Pordenone e Vicenza e la forza di un gruppo che fa della mentalità vincente la specialità della casa. Che non è pizza e fichi. Mentre il Pisa ha fatto registrare un fisiologico calo con 6 punti conquistati, nelle ultime 5 partite il Brescia è andato come un treno ottenendone 13 e passando dal -5 al +2 sui nerazzurri. Da due giornate consecutive Bisoli e compagni guardano tutti dall’alto in basso. E’ una piacevolissima sensazione, anche se siamo solo a un terzo della stagione e non è questione di fare i pompieri, ma è sacrosanto il pensiero inzaghiano: Adelante Pedro, ma con juicio.

Formazioni e chiavi del match. SuperPippo medita un cambio di modulo, schierando i suoi con un 3-5-2 che dovrebbe essere lo stesso di D’Angelo. Se così sarà, rispetto al solito si accomoderebbe in panchina Mateju (che tra Brescia e Nazionale ha decisamente tirato la carretta) mentre Léris diventerebbe quinto di destra e Pajac sarebbe il suo omologo sulla fascia opposta. Davanti una coppia tutto estro e fisicità: Palacio-Bajic. Il Pisa recupera Lucca (6 gol nelle prime 7 partite, ma non segna dal 2 ottobre), ma forse il rientro più importante è quello dell’ungherese Nagy, l’uomo che detta i tempi a centrocampo.

Il Brescia in caso di 3-5-2
Il Brescia in caso di 4-3-2-1
La probabile formazione del Pisa

Il pubblico. Un dato preciso non c’è, ma sono attesi tra i 7 e gli 8000 spettatori con Curva Nord e settore ospiti (770 posti) già esauriti. Con una politica sui ridotti, non solo in Curva, si poteva far registrare anche un dato migliore e francamente non capiamo perchè si debba continuare a far pagare biglietto pieno a un bambino che vuole andare in Gradinata o Tribuna, mettendo in difficoltà la famiglia. Ma il clima è comunque quello del grande evento. E come tale va goduto fino in fondo in una vigilia che riconcilia con il calcio e la voglia di tenere lontani i brutti pensieri di un Covid che sta tornando a farsi sempre più minaccioso.

Con Bresciaingol. Sulla pagina Facebook del nostro quotidiano, e su quella di Cristiano Tognoli, diretta video dalle 15.15 dall’esterno del Rigamonti, ma anche nell’intervallo e a fine partita. Su queste colonne cronaca testuale durante la partita e a fine gara il commento organico, pagelle, interviste e foto fresche del match.

condividi news

ultime news